Archive | Paranormale RSS for this section

Mistero tra bufale e ridicolo

Avrei voluto fare un post diverso, ma siccome molti mi hanno chiesto il perchè quest’anno non mi occupo più dei
video trasmessi da Mistero su Italia1. Semplice quella trasmissione è a dir poco imbarazzante e giovedì scorso ha
dato il peggio di se anche se al peggio non c’è mai fine. Ormai la trasmissione si occupa di tutto un po’ e a
parte le figure di Adam Kadmon e Sabrina Pieragostini che si vede che sanno di cosa parlano e lo fanno con cognizione di causa, sebbene io molte volte  non sia d’accordo con loro, i restanti inviati sono a dir poco  imbarazzanti. Ma attenzione non è per ciò che dicono ma il modo in cui è affrontato il mistero e l’ignoto….un pugno in faccia a chi in questi anni ha provato a dar credibiltà all’ufologia, alla parapsicologia o al metafisico in genere….
Lasciamo stare che si è voluto esporre l’idea che la Madonna di fatima potesse essere un alieno (io sono ateo ma
un po’ di rispetto per la religione pareva brutto?…. qualunque essa sia ), tralasciamo i 30 minuti persi a
parlare di due mostri alieni….che poi in realtà si sono rivelati al 100% facenti parte del regno animale, ma tanto la cosa diverte è che pure il servizio lo ammette…. sono rispettivamente un povero procione ed un povero bradipo i cui corpi hanno subito una normale decomposizione dopo essere stati un po’ di tempo in acqua

mistero-1

ed infine passiamo sopra questo video

….palesemente finto, come si legge anche sotto il video stesso dai vari commenti lasciati dagli utenti di Youtube (è vero vicino al riflesso del ragazzo si vede l’ombra di quella che sembra essere una corda ma io penso che comunque a parte questo errore il video risulta fatto molto bene).

Ma non posso ignorare assolutamente che nella rubrica Fake Mistery appaia questo video con un monito “Attenti a fidarvi di Youtube”….il video in questione è questo

Ma brutti imbecilli…..scusate lo sfogo……. siete stati voi che il 27 marzo 2013 pensavate che era un video vero non gli internauti o i vostri telespettatori che al contrario dei produttori di questa trasmissione un po’ di sale in zucca ce l’hanno…ecco le prove di ciò che dico sia un mio post a riguardo: Mistero e le sue bufale premeditate
sia il sito dove potete trovare la puntata incriminata LINK 
Detto ciò io ritengo che parlare di una trasmissione come Mistero sia fargli una pubblicità che non si merita se
invece chi mi legge gli piace sapere delle bufale che questo programma trasmette può liberamente dirmelo e io
ritornerò a scrivere post che argomentano su questa trasmissione.

La bufala della Cappella di Betlemme su Antikitera.net

Ho ricevuto pochi giorni fa un email che mi chiedeva come riuscissi a spiegare il mistero della Cappella di Betlemme (Chapelle de Bethléem) con il link al sito che tratta questo argomento: LINK
Posto anche una foto nel caso il link vada perduto o sia spostato.

bet-1

Purtroppo cara Lara il mistero non esiste assolutamente, è uno di quei casi in cui l’autore dell’articolo ha completamente travisato la realtà infatti dovete sapere che la Cappella di Betlemme è una cappella della chiesa cattolica romana, situata nel comune francese di Saint-Jean-de-Boiseau nella Loira Atlantica. Classificata come monumento storico nel 1911 , è stata restaurata nel 1993 al 1995 , durante questo restauro non si è scoperto nessun strano pinnacolo, ma bensì si è scoperto che mancavano alcuni fregi cosicchè si è posta la questione della loro sostituzione nell’edificio, ma siccome le uniche fonti disponibili erano un disegno di una nota Società Archeologica della Loira Atlantica , risalente al XIX secolo, non si poterono ricreare tutti i pinnacoli mancanti, ciò costrinse l’architetto restauratore, Gwenolé Congard, ad appellarsi allo scultore Jean-Louis Boistel per scolpire questi pinnacoli, ben 28 “gargouilles” su tutti e quattro gli angoli.
Lo scultore creò ogni gargouille basandosi sui simbolismi della mitologia o del cristianesimo , ma per alcuni volle utilizzare icone dell’era moderna prese sia dalla cultura cinematografica americana sia dell’ animazione giapponese.
Ecco perchè in questa capella si possono ammirare i fregi di:
Goldrake (giustizia, cavaliere dei tempi moderni)
Gremlin ( mostro cattivo)
Gizmo (buon mostro)
Leviatano (nulla assoluto), raffigurato come una Xenomorfo , dal film Alien .

bet-2

Per altre informazioni e la lista completa delle chimere o, che dir si voglia gargouilles, alla francese, consigli questo LINK

La bufala di Eben Alexander

Eben Alexander è stato un neurochirurgo statunitense ed è l’autore di Proof of Heaven: A Neurosurgeon’s Journey into the Afterlife (L’esistenza del Paradiso: viaggio di un neurochirurgo nell’aldilà), in cui viene descritta l’esperienza di pre-morte da lui vissuta nel 2008, e dove viene affermato che la scienza è in grado di dimostrare l’esistenza della vita ultraterrena. Il libro da quando è uscito ha un “posto fisso” nella classifica dei best seller del New York Times.
Molti si interrogano su quanto ci sia di vero nelle affermazioni di Eben e cosa abbia portato un neurochirurgo di successo a dare una svolta alla sua vita.

dr-eben-alexander-proof-of-heaven-400x240

Indagando però a fondo su tutta la storia però il quadro che ne esce è ben diverso da ciò che ci si aspetta.
Grazie al giornalista Luke Dittrich autore per il magazine americano Esquire si è scoperto che purtroppo non è tutto oro ciò che luccica in quanto ci viene mostrato un Alexander tutt’altro che intgerrimo ma soprattutto si rivela una bufala la sua tematica principale ovvero che le esperienze raccontate da Alexander siano dimostrabili con la scienza.
Chi volesse può leggere l’inchiesta di Esquire a questo link 
Di seguito invece riporto una parte dell’interessantissimo articolo pubblicato da il Post con il titolo “La storia di Eben Alexander, smontata” (se volete leggere la versione integrale…e personalmente lo consiglio caldamente…eccovi il LINK )
Nel 2001 abbandonò il posto di lavoro in ospedale a Boston per contrasti col capo e trovò lavoro in un altro ospedale vicino Boston, dove però poco dopo gli impedirono di operare per «aver eseguito varie operazioni in modo improprio». Cambiò lavoro di nuovo, e finì in un ospedale di Lynchburg, in Virginia. Dittrich rivela che il 27 giugno 2007 Alexander operò un uomo del posto che aveva problemi alla schiena, e sbagliò completamente l’intervento; avrebbe dovuto saldare insieme la quinta e la sesta vertebra, e invece intervenne sulla quarta e sulla quinta. Giorni dopo se ne accorse, e manomise la cartella clinica del paziente, sostituendo il numero delle vertebre da operare in tutti i passi in cui erano citate. Il paziente lo scoprì e gli fece causa per 3 milioni di dollari; il processo non era ancora terminato quando Alexander cominciò a soffrire di dolorosissimi mal di testa. In seguito scoprì che si trattava di un’infezione causata dal batterio Escherichia coli, che può attaccare il sistema nervoso ed essere tra l’altro l’agente scatenante della meningite. Il sistema immunitario reagisce e può causare infiammazioni alle meningi e ai vasi sanguigni del cervello; quando il 10 novembre 2008, in seguito a uno di questi attacchi, Alexander arrivò all’ ospedale di Lynchburg le sue funzioni cerebrali erano già ridotte al minimo.La dottoressa Laura Potter, di turno quando Alexander arrivò in ospedale, dispose il coma farmacologico. Da quel momento iniziarono le visioni; Alexander ha raccontato in seguito e nel suo libro di essersi trovato in quei momenti in un posto verdeggiante, quasi idilliaco, assieme a altre persone in abiti da contadini e a milioni di farfalle: poteva anche udire una melodia soffusa e celestiale provenire dall’ambiente circostante. Appena avvertì di essere arrivato in questo luogo, una donna che cavalcava una farfalla gli si avvicinò, sussurrandogli: «Sei amato e benvoluto, non hai nulla da temere. Non hai fatto nulla di male».

article-1385027-02527e300000044d-69-468x340

Si svegliò domenica 17 novembre 2008, ed era guarito; poco alla volta riprese le funzioni vitali di una persona normale, e venne dimesso. Una volta tornato a casa, stando al suo racconto, passava le notti insonne, ripensando all’esperienza vissuta durante il coma; a un certo punto decise di farne un libro, e cominciò a scrivere.Nel 2012 l’editore Simon & Schuster gli comprò il manoscritto e glielo pubblicò: ebbe un successo pazzesco, e finora ha venduto circa due milioni di copie.
La testimonianza più importante, che contraddice molte delle spiegazioni di Alexander, secondo cui cioè i collegamenti all’interno del proprio cervello «si erano completamente interrotti», è quella della dottoressa Laura Potter, che ha così risposto a una domanda di Dittrich:
Lo stato in cui era Alexander quando provaste a sospendere il coma farmacologico, durante il primo giorno di cure, può essere definito cosciente?
Sì, cosciente ma in stato allucinatorio.
Il 12 dicembre 2012 la rivista americana Atlantic aveva pubblicato un articolo di Oliver Sacks, il famoso neurochirurgo inglese, che fornisce una possibile spiegazione di quanto accadde a Alexander, aggiungendo inoltre che «è curioso che [Alexander] non consideri la spiegazione più ovvia, ma che insista con quella sovrannaturale». Secondo Sacks spesso le allucinazioni sembrano così reali perchè «attivano le stesse aree cerebrali che vengono stimolate dalle percezioni tangibili. L’ipotesi più plausibile, nel caso del dottor Alexander, è che la sua esperienza pre-morte sia avvenuta non durante lo stato di coma, ma quando si stava risvegliando da esso, cioè mentre la sua corteccia cerebrale stava tornando a funzionare».
Inoltre, secondo Dittrich, Alexander ha mentito anche su molti aneddoti laterali della vicenda; ha scritto che poco dopo essere uscito dalla sala delle urgenze dell’ospedale – e prima di cadere in coma – urlò «Dio, aiutami!», ma per la dottoressa Potter non è possibile, poiché era stato intubato prima di uscire dalla sala, e inoltre lei stessa non ricorda nessun fatto del genere. Nel libro inoltre Alexander racconta che durante la settimana in cui fu in coma piovve in continuazione, e che, poco prima di svegliarsi, fuori dalla finestra della sua camera apparve un arcobaleno. Dittrich ha chiesto a un meteorologo locale se questo fosse possibile, tenendo in considerazione le condizioni climatiche di quei giorni, e quello gli ha risposto di no.
Infine vorrei riportare qua sotto il commento di alcuni specialisti LINK 
Il libro di Alexander è stato criticato dal neuroscienziato Sam Harris , che ha descritto il resoconto del dottore di Boston come “incredibilmente non scientifica”, e continua, “tutto – ma proprio tutto – nel racconto di Alexander poggia sulle affermazioni che le sue visioni si sono verificate mentre la sua corteccia cerebrale era ‘inattivata,’ ‘completamente spenta,’ ‘totalmente offline”. Le prove di questa affermazione non sono solo insufficienti. Suggerisce che lui non sa nulla circa la scienza del cervello ” LINK”Anche nei casi in cui il cervello si sia arrestato, le sue attività devono ritornare se il soggetto vuole sopravvivere e descrivere l’esperienza. Ma anche in questi casi, non c’è modo di stabilire che si è verificato la NDE ovvero esperienze pre morte , mentre il cervello era in funzione. “ LINK 

Immagine NDE big

Il Neurologo e scrittore Oliver Sacks concorda con Harris, dicendo che ” negare la possibilità di una spiegazione naturale per una NDE, come Dr. Alexander fa, è più che non scientifico – è antiscientifico “…” L’unica ipotesi più plausibile nel caso del Dr. Alexander … è che la sua NDE non si è verificato durante il suo coma, ma mentre stava emergendo dal coma. e la sua corteccia ritornava al pieno funzionamento. E ‘curioso che non sia stata valutata questa spiegazione ovvia e naturale, ma insiste invece sul soprannaturale “. LINK

La bufala delle foreste su Marte

Da un po’ di tempo girano in rete bufale vecchie e nuove su Marte, l’ultima in ordine di apparizione è quella sul colore di Marte, smentita quasi subito dall’angolo del debunker ecco il LINK 

marte56_02

Detto ciò sicuramente la più divertente è quella che riguarda le foreste “nascoste” sul pianeta Marte, una bufala che da un paio di anni gira in rete e che ogni tanto ci viene riproposta, come nel caso del blog a questo LINK
Ma cosa vediamo in realtà in queste foto? Semplice, basta andare su wikipedia inglese per scoprire che queste curiose immagini rappresentano geyser marziani ovvero piccole eruzioni che si verificano nella regione sud polare di Marte durante il disgelo primaverile. LINK 

Mars_Global_Surveyor_1

Vi sono quelle chiamate “Dune a Macchie scure” e quelle dette “ragni“, queste hanno caratteristiche uniche, come già detto sono tipiche della regione polare sud di Marte, una zona informalmente chiamata la ‘regione criptica’, alle latitudini 60 ° e 80 ° sud e longitudine 150 ° W e 310 ° W e si trovano ad un metro di profondità… La cosa a mio parere più disarmante è che si possono vedere nel link di Wikipedia (sopracitato)  le medesime foto che vengono usate per la bufala delle foreste…..Ma non finisce qui….

Moc2_166b_msss

Infatti è curioso scoprire che in rete avevano già smascherato questa bufala ben più di tre anni fa...Elmar Burchia, il 13 gennaio 2010, scrisse questo articolo sul sito del Corriere della sera: “Gli (immaginari) alberi di Marte, una foto della sonda Mars Orbiter crea l’illusione di una foresta sul pianeta rosso…Ma si tratta solo di uno strato di anidride carbonica ghiacciata che evapora”...LINK

Hirise_dark_dune_spots

La bufala della scomparsa del villaggio Eskimo del lago Anjikuni.

Giulio mi chiede delucidazioni sul mistero della scomparsa del villaggio Eskimo del lago Anjikuni, che ha trovato a questo [Link] 
Questo mistero è molto conosciuto all’estero meno in Italia sebbene l’argomento sia stato trattato in molti forum del “mistero” ma procediamo con ordine
Nel 1930, un giornalista di The Pas , vicino a Manitoba , ha riportato che un piccolo villaggio Inuit vicino al Lago Anjikuni o Angikuni fu trovato completamente abbandonato da tutti gli abitanti. Il villaggio accoglieva i cacciatori di pellicce che passavano di tanto in tanto. Ma nel 1930, quando Joe Labelle, famoso cacciatore di pellicce, arrivò nel villaggio, non trovò nessuno degli abitanti. Il racconto è arricchito anche da particolari sconcertanti come il ritrovamento di camicie incompiute che avevano ancora gli aghi o cibo appeso sopra il fuoco, ciò fa dedurre che gli abitanti del villaggio avevano lasciato il luogo improvvisamente, ma ancora più inquietante, era la scoperta di sette cani da slitta morti di fame e le tombe scavate e svuotate. Labelle riferì tutto questo alla Royal Canadian Mounted Police (Polizia canadese) , che condusse una ricerca per ritrovare le persone scomparse, ma nessuno è stato mai ritrovato.

Untitled

Tale storia apparì in Stranger than Scienza libro di Frank Edwards del 1959; altre versioni appaiono nel romanzo di fantascienza “Majestic” e nel romanzo horror “Phantoms” di Dean Koontz, per apparire infine in The World’s Greatest UFO Mysteries (dove fu presentato come un fatto appurato ), col tempo la versione fu ancora più dettagliata, mentre in seguito siti e libri, aggiungensero altri particolari come luci misteriose nel cielo, cimiteri vuoti, e più di un migliaio di persone scomparse. La prima versione della storia però si scoprì essere del 27 Novembre 1930, scritta dal giornalista Emmett E Kelleher, [ LINK ], essa però non fu mai detta come “storia reale”, lo divenne solo dopo la stesura del 1958 di Edwards, non a caso la RCMP la archiviò subito come un caso di leggenda metropolitana , sostenendo proprio che la vicenda aveva avuto origine nel libro di Frank Edwards; inoltre l’ RCMP sottolineò che nessuna affermazione di attività insolita nella zona fu dimostrata. [LINK]. Hai giorni nostri la storia è stata fu definitivamente smentita da Brian Dunning nel suo sito Skeptoid. [ LINK ]

La bufala della scala nessuna illusione ne magia

Gio mi ha chiesto notizie sulla scala magica che si vede in questo video e se è una bufala..

Cara Gio si è una bufala, infatti è un progetto dei laureandi del RIT,  Rochester Institute of Technology, il vero progetto però non è la scala che si trova nell’edificio Gannett proprio presso il RIT (LINK o LINK2) ma bensì di ingannare le persone con la creazione di un mito falso di questa “meraviglia architettonica”, per questo è stato chimato lo studente Michael Lacanilao che ha creato questo bellissimo ed elaborato filmato filmato.(LINK)
Due ultime curiosità:
nel filmato si parla di un programma televisivo, ma non esiste un programma chiamato “Can You Imagine”, probabilmente la dicitura Ep. 3 è stato messa per convincerci ulteriormente facendoci pensare che ci sono più episodi di questa serie…. LINK 
La scala viene detta da M.C.Escher famoso incisore e grafico olandese creatore di opere surrealiste rappresentanti scale “infinite”. vedi foto. LINK

La Bufala di Mistero Risolto… non sarà chiuso

Ebbene si per una volta sono stato io la bufala….Stanotte sono stato avvisato via email da WordPress.com che non sapeva nulla del messaggio arrivatomi non essendo loro i mittenti, anzi han voluto che girassi loro l’email pervenutami per capire chi potesse “spacciarsi per loro” e agire di conseguenza…io dal canto mio posso solo dire che l’email era di provenienza italiana…il resto non posso dirlo in questa sede …anche perchè se ne occuperanno i diretti interessati…che dire sono senza parole…….una volta di più

Fett_Shadows_of_the_Empire_comic copia

Ma in realtà da tutto questo io ne sono uscito meglio di prima in quanto ho conosciuto un gruppo fantastico Eclisse forum.it (LINK) e inoltre adesso posso disporre di due progetti paralleli  MisteroRisolto su wordpress e Mistero Risolto su Eclisse forum.it per ora i due blog saranno uguali in modo che il secondo abbia il tempo di settarsi per il meglio dopo di che  vedrò cosa fare….comunque sostanzialmente ora Mistero Risolto si è fatto in due!! 😛

Permettetemi di ringraziare tutti voi per i commenti di solidarietà e di incoraggiamento che mi avete mandato e l’Eclisseforum per la gentilezza e  l’immensa disponibilità con cui mi ha accolto,  un grazie di cuore a Creedence il cui lavoro è stato fondamentale per tutto e  spero sia solo l’inizio di una splendida collaborazione.

Non mi resta che augurarvi un buon proseguimento di lettura sui miei due blog….e sperare di proseguire con tutti voi ancora per molto tempo….tanto di bufale ce ne sanno sempre…come è stato dimostrato da tutto ciò 😀

SCUSATEMI SE IN QUALCHE MODO VI HO ARRECATO UN DISAGIO IN QUESTI GIORNI,

GRAZIE DI TUTTO.

MISTERO RISOLTO RIMARRA’ APERTO, ANZI RADDOPPIA, MI SPIACE PER TUTTI I DETRATTORI…