British museum e la teoria degli antichi astronauti

Come avevo già detto in precedenza ultimamente mi sono recato al British Museum a Londra, gli appassionati di mistero e archeologia alternativa sicuramente sapranno che questo museo non è solo ricco di reperti archeologici ma anche di moltissimi reperti per così dire controversi che si rifanno alla teoria del paleo contatto anche detta in inglese Ancient aliens.
Qui infatti si può ammirare dal teschio di cristallo (vedi foto) alla lente di Helwan (vedi foto 2) alle tavolette che hanno ispirato le teorie di Zecharia Sitchin (vedi foto 3) a varie raffigurazioni di presunti alieni di età sumerica (vedi foto 4)

bma-1

Tralasciando che ormai è appurato che il teschio di cristallo è un falso, essendo di origine europea e databile alla metà del 1800 (link)  e mettendo da parte anche la lente e le teorie di Sitchin, poichè se ne è parlato in altri post (link1  e link2 ), vorrei soffermarmi sui reperti di età sumerica e siriana che rappresenterebbe degli alieni (vedi foto 4)
Vi sono siti che non hanno dubbi sulla loro autenticità come questo (link) ma in realtà credo che la maggior parte dei siti si basi sulle teorie espresse nei libri di Kolosimo, Von Däniken, Sitchin, Tsoukalos, Icke e tanti altri più o meno rinomati. Ma è proprio questo il problema di quando ci si basa su una documentazione, ovvero l’imprescindibile conseguenza di dover ammettere, senza ombra di dubbio, come vera e autentica la documentazione stessa che viene espressa nei libri in questione. Ora, sicuramente ciò che viene espresso a parole può essere contestato come no, a seconda di come noi la pensiamo al contrario però nel caso di prove fisiche come le foto invece si può disquisire, in quanto una volta che noi vediamo un oggetto notiamo subito se vi sono stati particolari taciuti o per meglio dire non evidenziati; è il caso della statuetta di creta trovata in Turchia ad Antalya datata 5000 AC vedi foto:

igigi_2

Ebbene in realtà questa foto è molto forviante infatti vi basti pensare che questa statuetta è piccolissima ed inseribile in un contesto storico con altre piccole statuette dalle fattezze umanoidi o meno vedi mia foto

bma-2

Appare evidente così che la prima foto oltre ad ingannarci sulla realtà decontestualizza completamente il ritrovamento della statuetta, infatti nel primo caso si è portati a pensare ad un idolo di media grandezza raffigurante una divinità simile ad un alieno, trovato come unico reperto mentre nel secondo caso sebbene la raffigurazione rimane la stessa cambia completamente il contesto: una piccolissima statuetta di circa 3 cm dai tratti antropomorfi, come molti altri ritrovamenti, ritrovata insieme ad altre statuette tutte raffiguranti divinità antropomorfe (diverse fra loro) o figurine religiose di sacerdoti. Voglio dire che se la statuetta fosse stata presentata come: piccola statuetta antropomorfa, trovata inseme ad altre in uno scavo in un luogo di culto, beh il pensare agli alieni non sarebbe stato una cosa così immediata, anzi probabilmente essendo per altro l’unica raffigurazione così fatta tra le varie statue trovate ci avrebbe fatto soltanto sorridere per la sua buffa forma.
(link British museum)
Lo stesso discorso vale per i famosi idoli dai grandi occhi trovati nel tempio di Tell Brak in Siria, visti come ci vengono presentati beh anch’io avevo dei dubbi :

igigi-eye_idols2

Poi però una volta visti dal vivo e letto il contesto in cui essi sono stati trovati i dubbi incominciano a dipanarsi, vedi foto mia:

bma-3

Intanto le statuette non sono tutte identiche ma ce ne sono di vario tipo (vedi frecce verdi e rossa) e poi è vero che sono particolari ma, per uno storico del periodo sono spiegabilissimi in quanto esse non sono altro che piccoli voti trovati in luogo di culto e sebbene la loro raffigurazione antropomorfa li renda molto particolari era una pratica comune in quel periodo lasciare statuine nei luoghi di culto e anche il simbolismo dell’occhio era una usanza comune anche in Mesopotamia tanto che disegni “oculari” sono stati trovati anche su oggetti dal cimitero reale di Ur, così come nei templi. LINK e LINK British Museum 
Detto questo ognuno è libero di pensarla come vuole, quello che io volevo sottolineare è che il concetto, per cui a volte quello che ci viene fatto vedere è la verità che “fa comodo” (spesso espresso dai fautori degli antichi astronauti verso l’archeologia “tradizionale”) è in realtà applicabile perfettamente anche alle prove della teoria del paleo contatto, per cui l’unico modo che ci rimane per verificare o meno la validità di una teoria è quella di “toccare con mano” , quando e se c’è possibile, le prove stesse e con la nostra testa crearci una nostra idea.

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

31 responses to “British museum e la teoria degli antichi astronauti”

  1. Tizio Strano says :

    Prima di tutto vorrei complimentarmi con te per l’ottimo lavoro che stai facendo . Aspetto sempre con grande curiosità i tuoi nuovi articoli.
    Vorrei darti un consiglio interessante per il tuo prossimo articolo:”The Bloop”. E’ un suono sottomarino a frequenza ultrabassa che è stato captano nell’estate del ’97. Ancora oggi non si è chiarito l’origine di questo suono (c’è chi lo ha attribuito addirittura all’essere semi-divino Cthulhu di Lovecraft!) . Però so che ci stanno delle ipotesi un po’ più plausibili ma non del tutto note (wikipedia dedica due righe alla spiegazione del Dr. Christopher Fox).

    saluti e buona fortuna per tutto.
    Un tizio strano;)

  2. edoski07 says :

    Quando in Mesopotamia vedo figure “dai grandi occhi” l’ultima cosa che penso è che si tratti indiscutibilmente di alieni. Ci sono molte statue, infatti, i cui occhi sono enormi, ma che comunque non ritraggono dei/alieni, come dimostra l’assenza del tipico “copricapo cornuto”. E inoltre, non esiste alcuna raffigurazione – sia essa un sigillo cilindrico o un bassorilievo – che ritragga gli Anunnaki con questo evidente particolare, o almeno nessuna che io conosca.
    Se si stesse comunque parlando di divinità, si tratterebbe probabilmente degli dei minori Igigi, poiché in qualunque modo si voglia tradurre la sillaba finale GI, la parte iniziale del nome è IGI: “occhio”, “vedere”, “cercare”. Zecharia Sitchin ha ipotizzato che questi fossero un gruppo di alieni che viveno su una navicella spaziale nell’orbita terrestre, e che quindi gli uomini non li vedessero mai a meno che non atterrassero sulla Terra. Ciò spiegherebbe l’assenza di raffigurazioni precise, ma lo vedo in ogni caso poco probabile.

    Riguardo alla frase “[…] la verità che fa comodo spesso espressa dai fautori degli antichi astronauti […]”, vorrei farti capire che nessun sostenitore dell’antico contatto vuole prendere in giro la gente. Ipotesi come quella che hai analizzato in questo articolo sono nate molto tempo fa, quando la Teoria degli Antichi Astronauti era appena nata, e quando ai sostenitori di questa bastava vedere un semplice occhio esagerato o un vestito inusuale ai loro occhi per dire “questo è un alieno”. A quei tempi, infatti, il materiale di studio a disposizione della “gente comune” era veramente poco.

    • die2878 says :

      Ciao Edoski sono d’accordo con te, non a caso o nominato gli autori che a mio modo di vedere più si lanciano in interpretazioni discutibili.
      Sono sicuro, come per altro ho sempre detto che anche negli studi della teoria del paleo contatto siano annoverate persone meritevoli, preparate e serie; la mia frase è da leggersi completa ovvero: la verità che “fa comodo” (spesso espresso dai fautori degli antichi astronauti verso l’archeologia “tradizionale”) il che vuol dire che molti autori sopracitati della teoria degli antichi astronauti attaccano l’archeologia tradizionale dichiarando che essa pubblica solo ciò che le fa comodo, ma molte volte anche questi autori fanno la medesima cosa screditando così anche chi invece si dedica in maniera seria allo studio di tale teoria.
      Saluti
      Diego

  3. Alessandro says :

    ma l’obiezione principale è che le statuette sono piccole e diverse una dalle altre?

  4. me says :

    Rieccomi sig. Diego, sto visitando il suo blog, mi sono ripromesso di consultarlo di tanto in tanto e leggere i tuoi articoli.
    Sinceramente,non me ne voglia,ma sto avendo la conferma di quanto detto nell’altro articolo.
    Devo,per dovere morale,criticarle anche questa “bufala”.

    Non ho molto da dire, se non che fondamentalmente non ha detto nulla che possa smentire che effettivamente si tratti di statuette raffiguranti alieni.
    Attenzione,non sto dicendo che quelle statuette raffigurino alieni,dico che lei non ha dimostrato il contrario.

    Primo dato oggettivo, è che il link da lei stesso fornito tratta molte più immagini di statuette e raffigurazioni varie,delle quali lei ne discute ne nomina.
    poi,”contestualizzazione,grandezze”,onestamente non vedo proprio il nesso.
    Sono daccordo con lei,contestualizzare è importante in archeologia,ma in questo caso non ha senso ai fini dell’accusa da lei lanciata.
    “Sono diverse tra loro” altro dato superfluo.
    E vorrei sottolineare un concetto importante, è ovvio e dato per assunto che le due teorie,in questione (come qualsiasi altra teoria messa a confronto con un altra molto diversa) rendono le statuette contestualizzabili in modo diverso.
    entrambe,debbono essere contestualizzate in base alla tesi esposta.

    spiego meglio:
    se io affermo che le statuette raffigurano alieni che venivano considerati degli dei dalla popolazione,perchè non in grado di riconoscere una tecnologia sconosciuta, indirettamente contestualizzo il tutto in modo diverso.
    è implicito a questo punto che tutto ciò riguardante “dei” in realtà riguarderebbe “extraterresti”.
    E infatti lei stesso dice,che le statuette raffigurano degli dei,proprio come la teoria da lei contestata dice.
    Anche frasi come “trovati in luoghi di culto” ,”oggetti comuni”, tutti fatti che non dimostrano nulla.
    Anzi, andrebbero perfettamente in relazione con la discussa teoria degli astronauti.

    parlando del caso specifico,non mi sto spingendo verso una teoria in particolare, ma qui, non ci sono elementi validi che permettono di archiviare una teoria rispetto all’altra. Entrambe sono potenzialmente valide in base ai dati forniti ed al metodo di classificazione del sito utilizzati.
    e non le inizio il sermone riguardo la superficialità dei dati esposti e delle omissioni di considerazione.

    Saluti,
    Marco

    • die2878 says :

      Mi spiace che lei non abbia colto il discorso centrale del post ovvero ciò che ci viene proposto dai fautori del paleo-contatto non è sempre posto inmaniera corretta, immagino che lei sia andato al British e si renda conto di cosa effettivamente voglio dire…probabilmente scrivo male in italiano ma “Sono diverse tra loro” non è certo la mia accusa ma bensì perchè invece di schiaffarle su una pagina di un libro (mi viene in mente archeologia proibita di Burgin) con scritto raffigurazione aliene la statuetta non viene contestualizzata dicendo al lettore in che teca si trova e perchè (visto che c’è scritto al fianco di ogni teca) oppure almeno dare le giuste coordinate spazio temporali del reperto. Lei è unarcheologo molto strano mi permetta ma è il primo in assoluto (e non ne conosco pochi) che sento dire che sapere da dove arriva un reperto e il suo utilizzo non dimostra nulla ai fini del reperto….
      Saluti
      Diego

      • me says :

        Sig Diego, le ripeto, sono daccordo con lei sulla superficialità con la quale molto spesso vengono affrontate le analisi.
        Ma questo non c’entra con il fatto che a mio avviso lei in questo articolo non dimostra che le statuette non raffigurino alieni.
        Siccome non riesco a spiegarle il mio punto di vista meglio di come già scritto precedentemente,ci arriveremo un po’ alla volta.

        Mi può spiegare,dato che dall’articolo non lo capisco, per quali motivo questa sua affermazione dovrebbe provare che le statuette(in questo caso la statuetta)non rappresentino degli extraterresti:

        “nel secondo caso sebbene la raffigurazione rimane la stessa cambia completamente il contesto: una piccolissima statuetta di circa 3 cm dai tratti antropomorfi, come molti altri ritrovamenti, ritrovata insieme ad altre statuette tutte raffiguranti divinità antropomorfe (diverse fra loro) o figurine religiose di sacerdoti”

      • die2878 says :

        Nel primo caso si capisce che non rappresenta un alieno poichè affianco ad esse c’è la spiegazione di come queste statuette antropomorfe, se vede nella foto no è la sola, fossero di utilizzo comune come ornamenti oportafortune e fossero create in modo semplice e antropomorfo solo per bellezza o per semplicità il vaso accanto ad essa ne è un altro esempio.
        Beh anche nel secondo caso le statue non sono affatto identiche sono tutte votive verso una divinità comune in mesopotamia raffigurata in altri voti e oggetti….ma il punto non è questo io dico cosa c’è scritto sui pannelli del british non se sono alieni o no il concetto su cui mi soffermo è scritto alla fine del post:
        Detto questo ognuno è libero di pensarla come vuole, quello che io volevo sottolineare è che il concetto, per cui a volte quello che ci viene fatto vedere è la verità che “fa comodo” (spesso espresso dai fautori degli antichi astronauti verso l’archeologia “tradizionale”) è in realtà applicabile perfettamente anche alle prove della teoria del paleo contatto, per cui l’unico modo che ci rimane per verificare o meno la validità di una teoria è quella di “toccare con mano” , quando e se c’è possibile, le prove stesse e con la nostra testa crearci una nostra idea.
        come può notare non le bollo come bufale, sebbene possa pensarlo, ma mi rifaccio a ben altro argomento.

      • me says :

        Ecco,ora,facendo un esempio:

        lei mi dice che quelle statuette rappresentano una divinità comune in mesopotamia raffigurata in altri voti e oggetti vari.
        L’altra teoria dice esattamente la stessa cosa, solo che, invece di considerarla una divinità, suppone possa essere un alieno.
        ovviamente ognuna tenendo conto di specifici dati a supporto delle diverse tesi.

        Quando parlavo di nozioni superflue(grandezza,contesto ecc)intendevo in relazione a questo.
        Non ha dimostrato nulla ai fini del discorso,sono due tesi,che ora non sto qui a disquisire.
        spero di essere stato più chiaro questa volta.

        Per quanto riguarda il concetto della “verità comoda”,potrei anche essere daccordo,è potenzialmente applicabile sia per l’archeologia classica che per quella cosiddetta alternativa,ma in ogni caso non parlavo di questo.

        saluti,
        Marco

      • die2878 says :

        Si capisco cosa vuol dire ma nelllo specifico stiamo discutendo delle statuette ma il post vuole mettere l’accento sul modo in cui questi reperti vengono presentatati ancora prima del teorizzare, a mio parere, bisogna mostrare serietà nelle proprie analisi e leggendo vari libri sull’argomento ci si imbatte spesso in presentazioni superficiali e con scarsi dati. Non a caso se si può discutere di un argomento è perchè si presenta il reperto a 360 gradi…il post come già detto non vuole dimostrare nulla ai fini specifici del reperto anzi lascia la libertà di pensiero sui reperti stessi ma sottolinea come molti autori usino “la verità di comodo” per le loro teorie.
        Saluti
        Diego

    • Anubi says :

      Mi scusi signor Marco ma da archeologo ad archeologo….ma dove cavolo ha studiato? Cioè io veramente non ho parole per certe sue ammissioni o teorie ….è ridicolo davvero ciò che dice….perchè da l’idea di una saccenza smisurata senza per altro aver mai aggiunto nulla di nuovo o quel che peggio senza aver mai dato l’idea di aver compreso pienamente ciò che è scritto nei post mi riferisco anche ad i suoi commenti su Baalbek (che per altro ho avuto la fortuna di visitare recentemente)…comunque finchè vi saranno amministratori come Die2878 che le rispondono continui pure i suoi commenti almeno so cosa leggere per farmi due sane risate…

      • die2878 says :

        Anubi il tuo commento è stato in parte censurato poichè indipendentemente da come ognuno la pensa è giusto che si possa esprimere la propria idea e che essa goda il dovuto rispetto

      • me says :

        Ho studiato a Roma.
        Penso di aver capito benissimo cosa c’è scritto nel post.
        Appena avrò tempo scriverò altri commenti,così la farò ridere ancora.
        Saluti,
        Marco

      • die2878 says :

        Scusi non centra nulla…. a Roma dove? Al Dipartimento di Scienze dell’Antichità della Sapienza? Lo chiedo perchè ho due diciamo… tre cari amici che svolgono li lavoro di ricerca li e solo per sapere se vuole può non rispondere….ma a volte le combinazioni sono davvero incredibili

  5. me says :

    Si alla sapienza,però 15 anni fa ormai!

    • die2878 says :

      ….Un po’ troppo in la col tempo senza offesa..

      • Malles says :

        Mi sia consentito dare un appoggio solidale al signor Marco E. (M.E). Se la cava benone, ma qui è dura…

      • die2878 says :

        Guardi è giustissimo che lei ritenga dare il suo appoggio solidale a ME, ma non capisco cosa intende con “qui è dura”, ognuno in questo blog è libero di pensarla come vuole, ovviamente rispettando l’idea altrui, se non si è d’accordo con la mia idea o le mie teorie non è un problema, l’importante è cercare di essere i più educati possibili
        Saluti
        Diego

  6. Malles says :

    Caro Diego, permettimi di darti del “tu” e ti esorto a fare altrettanto, anno più anno meno…non farmi sentire un vegliardo.

    Mi riferivo alla tua censura, che pur “censurando” ha permesso frasi e parole tipo: “ma dove cavolo ha studiato?”…”non ho parole”…”è ridicolo davvero ciò che dice”…”dà idea di una saccenza smisurata”…”aver mai aggiunto nulla di nuovo”…”per farmi due sane risate”…

    Ora converrai che nonostante tu predichi (giustamente) rispetto ed educazione, evidentemente il risultato ti è sfuggito dal crivello…può capitare. Per compensare in qualche modo questa bonaria osservazione, mi riallaccio al tuo P.S sulla discussione della “bufala”di Pablo Aio in cui affermi di non avere mai incontrato difficoltà a mungere la bufala di turno. un percorso netto dunque, un en plain totale, un 100% senza errori e ripensamenti. Propongo di eleggerti ministro delle finanze, fossero così precisi i conti dello stato…

    Ne approfitto e continuo (ormai son qui, permettimi) completando qui contemporaneamente anche la risposta sul “povero” Ayo.
    Ma a parte le quisquilie, io apprezzo chi cerca di sbiadire le colorate trovate dei ciarlatani di turno, solo non approvo (può ritorcersi contro) quando chi dice di cercare chiarezza, arriva ad arrampicarsi sul K2 pur di giungere alla meta,…la sua risulterebbe una falsa ricerca,un bypassare VOLUTAMENTE quello che lo porterebbe a considerare in maniera diversa il proprio intervento.

    Personalmente sono arrivato a capire negli anni che la verità NON sta mai tutta da un lato solo della barca, altrimenti questa ribalterebbe. Come è vero che NON è tutto ufo quel che vola, parimenti esistono casi (non solo ufologici) problematici che vanno distinti e approfonditi, NON reclusi o peggio eliminati con un’alzata di spalle ed una risata.

    Comunque se non mi censuri prima ancora che io suoni il campanello di casa tua, avrò modo di dire la mia sulle tematiche che proponi, (so che le TRAI, ma se le immetti, logicamente le avvalli) che poi in fondo appassionano entrambi. Credo che le opinioni divergenti insaporiscono un tema molto più di reiterati assensi di routine o di medioevetico vassallaggio.
    Ti RIsaluto, ciao

    • die2878 says :

      Ciao Malles, in realtà se noti dopo i commenti da te riportati chiedo sempre di essere più rispettosi o educati, del resto noterai anche gli svariati epiteti con cui vengo appellato per le mie teorie in vari commenti dei vari post, il che dimostra che non censuro invito alla calma e “me ne sto” quasi sempre degli insulti anzi li pubblico pure….quindi tranquillo non sarai mai censurato, anche perchè mi sembri educato e rispettoso, senza dimenticare che dato che le tue teorie valgono quanto le mie non vi è alcun motivo di censurarle….

      Voglio anche farti notare che io non ho mai detto di non aver incontrato misteri impossibili ma bensì ho scritto “Vuole sapere quali si sono rivelati impossibili?…Per fortuna nessuno…” il che non nega che non ve ne siano ma è altre si vero che ho sempre trovato una documentazione sufficiente a dimostrare la falsità o un ragionevole dubbio sui casi da me analizzati, infatti potrai notare che tutti i post dispongono sempre di almeno 3 o 4 link a supporto di ciò che dico se non addirittura sono la pubblicazione di una teoria di terzi, come nel primo caso del post di Ayo.

      Questo non vuol dire che rifiuto l’incarico di ministro delle finanze, non so se sarò così preciso per i conti dello stato….ma lo stipendio mi farebbe molto comodo…questo è sicuro 😀 anche perchè il mio sito è totalmente gratuito (le poche pubblicità sono imposte da wordpress se si pubblica il blog gratuitamente) e le bufale qui non fanno latte 🙂

      Comunque visto che a tuo parere esistono casi (non solo ufologici) problematici che vanno distinti e approfonditi perchè non scrivere alle centinaia di siti che si occupano di farlo invece di scrivere ad uno dei pochi che gli elimina con una risata? Non è un po’ illogico a meno che non vi sia lo scopo preciso di controbattere chi prova ad uscire dal coro?
      Ad ogni modo io, come già detto, non ho problemi solo che trovo il tutto per lo meno molto curioso.
      Ciao Diego

  7. santo says :

    Ciao,scusami se ripeto la stessa domanda dico questo perchè pochi giorni fa ho scritto ma non riesco a trovare il commento che ho fatto.Io volevo saper più o meno ma esistono questi benetetti extrateretri? non so magari tu potresti aiutarmi solo per capire qualcosa.ciao e grazie anticipatamente.

    • die2878 says :

      Se esiste vita nelle infinite galassie non posso rispondere perchè nessuno lo può sapere e chi dice il contrario sbaglia poichè anche la quantità di galassie e di pianeti non dimostrano affatto che ci sia vita su altri pianeti, infatti come ho già detto potrebbe essersi verificato il caso di una lotteria ovvero:
      “in una lotteria indipendente dai suoi partecipanti vi sarà sempre e solo un unico vincitore, poichè il numero estratto vincente è uno solo sia che vi partecipino due persone sia che vi partecipino tutti gli abitanti della terra.
      Questo potrebbe essersi verificato anche con la scintilla della vita ovvero tra gli infiniti mondi solo uno ha estratto il numero vincente…la terra”

      Detto questo gli alieni o le figure extraterrestri intesi come le immagini o i video che girano in rete sono supposizioni create da noi umani o semplici falsi per far scalpore….
      Ti riferivi a questo commento:
      “Ciao Diego. Vorrei farti una domanda su gli ufo,ma questi benedetti ufo esistono? ti dico questo perchè molta gente vedo che ci crede e sono anche convinti,e non solo li vedono,io personalmente mai visti,e quindi mi resta questo dubbio.Scusami per la domanda ma sai tanto per capire qualcosa,e scusami per come mi esprimo,ciao ti seguo sempre.”
      Se si questa era la mia risposta
      Non c’è motivo per cui tu ti debba scusare….sarò sincerò non ho nessuna certezza neanche io, posso dirti che quelli da me presi in considerazione, a mio parere, si son rivelati bufale, che non c’è una prova inequivocabile della loro esistenza…anzi…però non c’è neanche la certezza del contrario….quindi mettiamola così:”Non ci sono ancora state prove inconfutabili dell’esistenza degli Ufo, di conseguenza la loro esistenza è dubbia”
      Ciao
      Diego

  8. Sandy says :

    Qui sei nel mio campo! x_____x
    Si tratta di statuette votive, sono presenti in tutte le culture e queste sono tra le più antiche. Sono bellissime, possono essere sia modellate in argilla o ceramica, sia scolpite, dipendeva dal committente più o meno facoltoso. Ricordano un po’ i lari e i penati dei romani (a loro venivano dedicati piccoli altari familiari) ed è questa la loro destinazione, proteggere la famiglia o guidare il defunto nel suo viaggio nell’aldilà. Il fatto che alcune fattezze fossero più definite di altre probabilmente deriva dal loro scopo. Dico probabilmente perché non essendoci informazioni scritte sull’uso specifico non posso fare affermazioni categoriche. Di solito rappresentano delle divinità (sono bellissime quelle cicladiche dedicate alla Dea Madre), a volte il defunto stesso.
    L’effetto stilizzato, gli occhi grandi… etc… probabilmente sono dovuti al fatto che venivano prodotti in serie, presso i grandi santuari (un po’ come oggi con i rosari e i santini). Non dovevano essere particolarmente realistici. Non ce n’era bisogno essendo rappresentazioni di divinità e spiriti protettori.
    Sono passati tanti anni da quando studiavo archeologia quindi potrei avere i ricordi appannati. Vorrei fare qualche ricerca tra il materiale in mio possesso e poi tornare a parlarne, se vuoi.
    Per quanto riguarda la glittica mesopotamica che Sitchin porta spesso a esempio del contatto alieno, devo dire che qui le ipotesi sono molto discordanti fra loro. Personalmente sono contraria a ricondurre ogni oggetto inspiegabile (per ora) ad un contatto alieno. Insomma non possiamo fare un’affermazione così imponente basandoci su qualche sigillo particolare, però dobbiamo ammettere che ci sono rappresentazioni veramente sconcertanti che vanno studiate a mente aperta. E un bene che qualcuno si ponga delle domande. La scienza ufficiale “deve” essere messa in dubbio altrimenti non ci sarebbe progresso.

    ps: però…. x_____x se fossi andata dal mio professore d’archeologia orientale dicendo che sui sigilli c’erano degli alieni… brr…. x_____x

    • die2878 says :

      AH ah ah ottimo l’ultimo commento! 😀
      comunque hai ragione quando affermi che: “è un bene che qualcuno si ponga delle domande. La scienza ufficiale “deve” essere messa in dubbio altrimenti non ci sarebbe progresso.” Però come sempre bisogna non cadere nel ridicolo o cercare un “mistero” a tutti i costi altrimenti non c’è progresso per nessuno e si rischia di mettere in cattiva luce chi veramente lavora con dedizione e serietà.

  9. santo says :

    Ciao, cercando informazione su vite di altri mondi mi sono inbattuto su un annuncio di panorama e mi piacerebbe se tu potessi guardarlo per darci qualche spiegazione più dettagliata, (Ufo.Gli esperti ora ci dicano tutta la verità) questo e il titolo di Panorama.ciao

    • die2878 says :

      Se posso volentieri…. lo vado a vedere e ti dico….Grazie della segnalazione… 😉

    • zetar says :

      Ciao Santo,
      L’ho letto quell’articolo di panorama, ma sono sicuro che non si addiverrà a nulla, per un motivo molto semplice, la retroingegneria porta scienziati e ingegneri aereonautici a studiare e cercare di capire il funzionamento di certe tecnologie sconosciute e i componenti di taluni materiali usati per determinati scopi, non solo nel campo dell’aereonautica spaziale ma anche in altri campi esempio quello bellico, attacco o difesa.

      Negli U.S.A. se fosse vero quello che tutti dicono, avrebbero un problema ENORME, questo problema praticamente scardina il concetto di democrazia e di “posto in Comando” in pratica sembra che esista una frangia di potere occulto, che sfugge al controllo del Presidente degli U.S.A., financo al Congresso, operando in maniera quasi indipendente.
      Questa frangia di potere occulto è molto potente ed usa sia le forze armate che alcuni politici importanti per tenere nascoste prove inconfutabili su U.F.O. e alieni, al fine di sfruttare le tecnologie extraterrestri per scopi ancora ignoti.
      Si dice addirittura che da decenni abbiano stabilito dei contatti e che collaborino tra loro per interessi reciproci. (Non chiedermi quali, non lo sò)

      Tornando con i piedi per terra, questo e quello che sta venendo fuori da moltissime associazioni nate in quello Stato, che chiedono a gran voce una verità a loro dire nascosta da tempo al popolo Americano.

      Ora immagina la faccia del Presidente USA e di quelli del Congresso, che si sentono dire: Non sapete niente? Allora non contate niente, inaccettabile.
      Quindi faranno l’ennesima indagine, controllando la cosidetta area 51, non troveranno niente come al solito e chiuderanno l’inchiesta, parlando di fantasie da “megalomeni pro alieni”.

      In effetti negli Stati Uniti sono stati fatti avvistamenti incredibili, ma anche in Messico e Spagna. Ma da questo a trovare le prove dell’esistenza di alieni ce ne passa. Non ci sono prove serie, ma migliaia di testimonianze certe si.

      Io non sono in grado di dire nulla di più, ma se il Congresso U.S.A. lo vuole davvero, sono in grado di scoprirlo, non sono i mezzi a mancare Loro.

      Quindi per adesso sono tutte “chiacchiere” senza fondamento ufficiale.

      Ciao

      P.s. negli ultimi 50 anni abbiamo fatto un salto tecnologico enorme, sembra che questi “SALTI” li dobbiamo a Loro, ogni tanto ci danno qualcosa. L’ultimo “REGALO”, si chiama GRAFENE, cerca in rete cos’è e a cosa serve, capirai di cosa parlo. L’hanno sussurrato nell’orecchio di qualcuno, et voilà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: